storie dalla terra

Storie dalla Terra: l'anguria in Grecia

L'ANGURIA IN GRECIA

 

L'anguria è un frutto (più precisamente una falsa bacca) composto dal 92% di acqua e dall’8% di zucchero. Contiene sostanze nutritive che aiutano il nostro corpo a produrre dopamina, come la vitamina B6 e a ricaricare la nostra energia come il magnesio. Comparato con altra frutta estiva, l’anguria contiene poche calorie in quanto principalmente composta di acqua e assenza di grassi.

L’anguria necessita di terreni fertili e friabili per favorire le poco profonde radici della pianta e poco umidi per contrastare possibili ospiti indesiderati, come le lumache, e per non rovinare il frutto che giace sul terreno. Gli agricoltori per limitare danni al frutto pongono sul terreno della paglia o del cartone per limitare l’umidità.

Per mantenere qualità e standard produttivi vengono globalmente più utilizzate varietà ibride, ne esistono oltre 50, tra le più famose ci sono: Sangria, Moon, Star, Jubilee.

Come scritto in un interessante articolo del National Geographic del 2015 gli scienziati concordano sul fatto che il progenitore dell'anguria (Citrullus lanatus) sia stato coltivato in Africa prima di diffondersi nei paesi del Mediterraneo e nel resto d'Europa e del mondo. In Grecia trova il nome da cui deriva il termine italiano anguria:  “angóuria”o καρπούζι.

Secondo i dati pubblicati dalla FAO (FAO STAT 2018), la Grecia è tra i primi produttori di anguria nell’Unione Europea con oltre 630 mila tonnellate in un anno. In Grecia esistono molte cooperative concentrate principalmente sull’export per i paesi dell’Unione Europea. Tra le più di successo ci sono PETALAS con sede nella città di Larisa e Agrofrut con sede a Ilias. Più in alto troviamo solo la Spagna con oltre 1 milione di tonnellate. L’Italia è al terzo posto con 580mila tonnellate.  A livello globale guida la Cina con oltre 60 milioni di tonnellate prodotte nel 2018. Questa produzione straordinaria è dovuta anche al clima ideale della regione cinese del Gansu con clima secchi e temperatura costante tra giorno e notte.

In Grecia l’anguria è parte di una ricetta tipica adatta per l’estate assieme alla feta, foglie di menta e olio d’oliva, in una variante molto usata dell’insalata greca. L’anguria è un frutto fresco adatto certamente all’estate. In Italia brilla l’anguria di Siracusa, prodotto agroalimentare tradizionale (PAT) promosso dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf). Questa varietà si utilizza per la preparazione del “Gelo d’anguria”, tipico dolce al cucchiaio siciliano servito per alleviare i caldi ferragosti.

 

TAG:    #Anguria     # Grecia    #Cina  #Insalata greca  #Gelo d’anguria  #PAT  #FAO

Vota il contenuto:

Voti totali: 14

 

Coltura & Cultura