il pomodoro

Pomodori grandi e succosi? "Colpa" di un gene

Gli agricoltori possono coltivare grossi pomodori succosi grazie a una mutazione del gene regolatore delle dimensioni cellulari, che si è verificato durante il processo di coltivazione del pomodoro. Esther van der Knaap dell'Università della Georgia e i suoi colleghi descrivono questa variante genica in uno studio pubblicato sulla rivista open-access PLOS Genetics il 17 agosto 2017.

Il gene

Quando gli esseri umani hanno iniziato a coltivare il pomodoro selvaggio nelle regioni montuose dell'Ecuador e nel Perù del Nord, hanno continuamente selezionato piante che hanno prodotto frutti più grandi. Ora, migliaia di anni dopo, i pomodori presenti sul mercato possono pesare 1.000 volte di più dei frutti dei loro antenati. Nello studio in corso, i ricercatori hanno studiato un gene che hanno chiamato “Regolatore delle dimensioni cellulari” o CSR, che aumenta il peso della frutta aumentando le dimensioni delle singole cellule nel pericarpo, che è la parte carnale del pomodoro. Rispetto ai pomodori selvatici, le varietà domestiche presentano una mutazione nel gene CSR che accorcia la proteina risultante, nelle cellule di pomodoro, e tale troncatura influenza probabilmente il suo ruolo nella regolazione della differenziazione cellulare e della maturazione dei frutti e dei tessuti vascolari. La variante è nata nel pomodoro ciliegino, ma ora si presenta in tutte le grandi varietà di pomodoro coltivate.

Lo studio

Il nuovo studio espande le ricerche precedenti, che hanno identificato la posizione della CSR nella parte inferiore del cromosoma 11 il cui piccolo contributo genetico era relativo al peso del pomodoro. Ora, con la clonazione del gene, la constatazione che i pomodori più coltivati hanno la versione abbreviata del gene CSR suggerisce che gli esseri umani hanno scelto ampiamente questa variazione genetica e che è stato fondamentale per la piena domesticazione del pomodoro dai suoi antenati di pomodoro ciliegino.

Migliorare la qualità

"La CSR è necessaria per creare i grandi pomodori necessari per l'industria, perché i grandi pomodori aumentano criticamente i margini di profitto per gli agricoltori. La conoscenza del gene ora aprirà percorsi di ricerca su come aumentare ulteriormente la dimensione della frutta senza influenzando negativamente altre importanti qualità quali la resistenza alle malattie e il sapore", afferma la dottoressa van der Knaap.

 

Vota il contenuto:

Voti totali: 2798

 

Coltura & Cultura