Ogni famiglia spreca un euro di cibo al giorno

Ogni anno si spreca 1,3 miliardi di tonnellate di cibo commestibile, equivalenti a un terzo della produzione mondiale, che si trasformano in rifiuti. Uno spreco che in cifre vale 750 miliardi di dollari, pari all’intero Pil della Svizzera. “Il costo annuo nei Paesi UE è quantificabile in 143 miliardi di euro: ciascun cittadino spreca ogni anno 173 chilogrammi di cibo. I 28 Stati dell’Ue producono ben 88 milioni di tonnellate di spreco alimentare ogni anno, e non stupisce che il soggetto maggiormente responsabile degli sprechi siano le famiglie, con 47 milioni di tonnellate, vale a dire il 70% dello spreco alimentare complessivo”, ha spiegato Andrea Segrè. “Ogni mese le famiglie italiane spendono 30 euro per beni alimentari che non finiranno mai sulla tavola”.

Lo spreco di cibo

La stima 2017 della campagna Spreco Zero è di 15,5 miliardi di euro gettati in cibo, nel corso del 2016: ben oltre il 50% legati allo spreco domestico. “Lo spreco si annida soprattutto vicino a noi – spiega il responsabile scientifico del progetto Reduce, Luca Falasconi – Waste Notes ci permette di capire che proprio la quotidianità delle nostre azioni determinare la produzione di spreco alimentare, ogni giorno. Il frigo, la dispensa, e le mense scolastiche sono tra i principali luoghi dove ogni giorno cibo ancora perfettamente buono e sano inizia il suo percorso verso la discarica”.

I consigli per sprecare meno cibo

Jonathan Bloom, autore, attivista e creatore di Wasted Food incoraggia a fare acquisti intelligenti e pratici e limitare il numero di visite al supermercato. “Progettate i vostri pasti e fate una lista dettagliata degli acquisti con gli ingredienti necessari, e quando sei nel negozio veramente attenersi a quella lista”. Diminuire la portata delle porzioni a tavola aiuta sia a sprecare meno cibo che con la salute in generale. Potrebbe bastare utilizzare piatti più piccoli per dare la sensazione ottica di avere “il piatto pieno”. Conservare il cibo in contenitori potrebbe aiutare a prevenire i rifiuti alimentari. Imballare il cibo in contenitori e memorizzarli nel frigorifero o nel congelatore sarà utile per risparmiare pochi soldi extra in tasca e per preservare il cibo in un contenitore ermetico, garantendo una durata maggiore.

Attenzione al frigorifero

Bloom dice che è importante ricordare i cibi che abbiamo memorizzato sul fondo del frigorifero. Egli sostiene che i vecchi prodotti sono spesso invisibili e finiscono per essere gettati via. Suggerisce di spostare i vecchi prodotti nella parte anteriore del frigorifero e di mantenere i nuovi prodotti sul retro, in modo da poter consumare i vecchi prima. Infine, la data di scadenza dei prodotti: “Fidati i tuoi sensi anziché la data sul pacchetto – conclube Bloom - Fidati nel tuo senso di odore, di vista e di gusto". Spesse volte la data di scadenza è un suggerimento, invece di essere un dogma imprescindibile. 

 

Vota il contenuto:

Voti totali: 1440

 

Coltura & Cultura