le insalate

Non solo dieta con le insalate

Ricche di acqua, vitamine e sali minerali, le insalate contengono pochissime calorie, sono ricche di fibre e non contengono grassi.                                                  

Per questo l’insalata è considerata un alimento di fondamentale importanza in molte diete: poco calorica, voluminosa, e di conseguenza saziante, e dalle notevoli proprietà che esercitano azioni benefiche e/o protettive su diverse funzioni del nostro organismo.

Le varietà di insalate sono tantissime, ma si possono raggruppare in tre categorie: le lattughe, le cicorie e le indivie, nonché altre piantine spontanee e/o coltivate meno diffuse, quali catalogna, ruchetta, valerianella, ecc…
Ogni famiglia di insalate ha una sua specifica virtù:

La lattuga è un’ottima fonte di molecole antiossidanti, quali i carotenoidi e i fenoli. Studi effettuati sugli animali hanno evidenziato che l’assunzione di lattuga in quantità adeguate e nel tempo, può ridurre il rischio di malattie cardiocircolatorie. La lattuga è inoltre ricca di beta-criptoxantina, una molecola che garantisce un significativo stimolo sugli osteoblasti e di inibizione sugli osteoclasti dell’osso. Pertanto l’assunzione di alimenti ricchi di criptoxantina, quali la lattuga, può avere un ruolo di rilievo nella prevenzione dell’osteoporosi.

La cicoria, già apprezzata dagli antichi greci come depuratore del sangue, contiene grandi quantità di sali minerali, come il potassio, il calcio , ferro e fosforo, nonché vitamine B, A e C. Una molecola presente in abbondanza nelle cicorie, sia nelle foglie che nella radice, è l’acido cicorico, sostanza con  elevata capacità antiossidante. Dalla radice della cicoria si estrae inoltre l’inulina, un prebiotico in grado di stimolare la proliferazione di numerosi batteri del colon, molto utili per l’uomo in quanto favoriscono l’assorbimento delle sostanze nutritive presenti negli alimenti, promuovono, infatti, il funzionamento regolare dell’intestino e prevengono dello sviluppo di tumori intestinali.

L’indivia, già utilizzata dagli antichi Egizi, Greci e Romani anche come pianta medicinale, è molto ricca di potassio, ferro, calcio e, in minor misura magnesio, fosforo e vitamine A e C, ed è indicata per stimolare la secrezione della bile e per prevenire i calcoli biliari.

 

Per maggiori informazioni sugli aspetti nutrizionali e le proprietà terapeutiche delle insalate, consulta i capitoli Aspetti nutrizionali e curiosità di Carlo Cannella e Insalata, fitoterapia e medicina di Mariangela Rondanelli, Annalisa Opizzi, Francesca Monteferrario (volume digitale “le insalate”, collana Coltura & Cultura).

Vota il contenuto:

Voti totali: 10492

 

Coltura & Cultura