il melo

La mela tra storia e leggenda

Originaria dell’Asia Centrale dove veniva coltivata già nel Neolitico, la mela si è diffusa, attraverso il Medio Oriente, dapprima in Egitto lungo la valle del Nilo e, successivamente, in Grecia. Grazie alle conquiste dell’Impero Romano giunse in Occidente e da qui, in tutta l’Europa continentale.
Nel Medioevo, i contadini e i monaci di tutta Europa producevano numerose qualità di mele, che sarebbero poi state alla base di un'attivissima selezione in epoca Rinascimentale.
Durante l'Età Moderna la coltura del melo si diffuse nel Nord America, in Australia e Nuova Zelanda ad opera dei coloni, con piante importate dall'Europa ma spesso anche con importanti sviluppi locali.

Oggi il melo è l’albero più coltivato nel mondo, non solo  per la bontà dei frutti ma anche per la loro facilità di trasporto e conservazione.
Che  la mela sia un frutto apprezzato e conosciuto fin dall’antichità è testimoniato dalle numerose leggende e racconti incentrati su questo frutto.

Secondo la tradizione biblica fu proprio la mela a far cadere in tentazione Adamo ed Eva dando origine così al peccato originale.


È una mela il frutto dell’immortalità che Ercole riesce a conquistare nel giardino delle Esperidi, è sempre una mela il “pomo della discordia” che scatena la guerra di Troia.
Nel corso dei secoli comunque la mela ha perso la sua accezione negativa, passando da simbolo di tentazione e peccato a emblema di amore e fertilità usato anche nell’iconografia cristiana, dove è spesso rappresentata accanto alla Madonna con il Bambino.
Una mela sicuramente da ricordare è quella del leggendario eroe svizzero Guglielmo Tell, che, colpendo con una freccia una mela posta sulla testa del figlio, riuscì a salvarsi la vita.
Anche in campo scientifico possiamo citare una mela famosa. Secondo la tradizione, infatti, Isaac Newton intuì la legge di gravitazione universale grazie ad una mela che gli cadde sulla testa mentre era sdraiato sotto un albero.
Oltre che in miti e racconti, la mela è presente anche in numerose fiabe, come in quella di Biancaneve dei fratelli Grimm, e nella moderna simbologia.
La "Grande Mela" è l'appellativo con cui New York è conosciuta in tutto il mondo;  la mela presta inoltre il suo nome alla Apple Corps, la casa discografica fondata dai Beatles, e alla Apple, notoria azienda informatica statunitense.  


Per scoprire altre curiosità ed aneddoti sulla mela, consulta il capitolo  Aspetti storici e artistici di Alessandro Roversi, Maria Beniamina Venturelli ed Erica Candioli (volume digitale "il melo", collana Coltura & Cultura).

 

Vota il contenuto:

Voti totali: 11971

 

Coltura & Cultura