intervista

Intervista vip: Federica Fontana

Tratto da: RunningTravel

 

La bellezza è merito di madre natura ma anche di una intensa attività fisica e una sana alimentazione. Federica Fontana, volto del canale tv Cielo, ne è un chiaro esempio. Un passato da modella, un calendario per GQ, tante conduzioni televisive, soprattutto sportive (Guida al Campionato, Il Processo del Lunedì, Controcampo e attualmente Stop&Gol), e due grandi passioni: il running e l’alimentazione, che condivide quotidianamente con i suoi fans attraverso il suo blog: RunFedeRun.

Quanto è importante l’alimentazione per sentirsi in forma?
E’ alla base di tutto, perché in fondo noi siamo quello che mangiamo. Quindi è importantissimo avere un’alimentazione corretta ma soprattutto equilibrata e completa. Io non seguo diete particolari ma presto molta attenzione a quello che mangio: non eccedo nell’uso dei grassi e delle carni rosse e mangio tanta frutta e verdura che sono indispensabili. Insomma, piccoli accorgimenti ma niente imposizioni esagerate. Nel mio blog cerco di dare consigli sugli alimenti più indicati per stare bene. D’estate, oltre a frutta e verdura, utilizzo anche degli integratori. Ovviamente evito assolutamente cibi grassi, fritto e alcool.

D’estate le insalate sono un piatto molto gradito: la sua preferita?
Diverse, ma recentemente ho trascorso qualche giorno di vacanza in Francia e ne ho studiata una nuova: loro usano spesso il tartufo nero, molto più economico del nostro bianco d’Alba. Prova e riprova, ho creato un’insalata semplice ma invitante e leggera: basta cuocere le patate, unirle al tartufo nero e al basilico, quindi condirle a piacimento con sale, pepe e olio extra vergine d’oliva.

Sul suo blog parla anche di alimenti molto particolari, tipo lo zucchero di palma di cocco…
Mi piace scoprire alimenti nuovi e particolari. Questo zucchero è a basso indice glicemico e si ottiene proprio dalla palma da cocco, la stessa da cui si ricava la noce. Lo zucchero lo si ottiene dal nettare dei suoi fiori: è un ottimo alimento, ricco di enzimi e di acido laurico, che viene utilizzato dal corpo per produrre acidi grassi che aiutano a combattere le malattie. Poi ha un alto contenuto di vitamine ed è un’ottima fonte naturale di sali minerali che regalano tanta energia senza alzare il livello glicemico nel sangue.

Ad un’alimentazione corretta, andrebbe però affiancata anche una certa attività fisica.
Vero. Io, dopo aver avuto due bambini e con l’età che avanzava, ho sentito l’esigenza di tornare con una certa quotidianità a fare dello sport. Ho iniziato a frequentare la palestra per fare un lavoro muscolare a 360° e pilates. Poi mi sono appassionata alla corsa perché posso praticarla ovunque. Non sono una fanatica, però corro cinque chilometri, un giorno sì e uno no, soprattutto la mattina: poi affronto la giornata con maggior positività.

La mattina è importante anche fare una buona colazione.
Consiglio una centrifuga rucola, lime, ananas, cavolo, mela e zenzero.

Invece cosa consiglia di mangiare prima, durante e dopo un allenamento?
È consigliabile mangiare qualcosa un’ora prima dell’allenamento: l’ideale sarebbe della frutta fresca, un gel energetico e uno sport drink. Nei 30-45 minuti successivi l’allenamento è necessario mangiare qualcosa (frutta o barrette specifiche) per ristabilire le scorte di glicogeno consumate durante l’allenamento. Anche le barrette proteiche possono essere utili, ma il rapporto dovrebbe essere di 1 a 4 rispetto ai carboidrati. L’idratazione è molto importante sia prima, sia durante l’allenamento: bisogna bere almeno tre bicchieri di acqua nelle 2-3 ore che precedono lo sforzo. Terminato l’allenamento è consigliabile bere un bicchiere di acqua ogni quarto d’ora per almeno un’ora. Gli integratori sono utili se la durata dell’allenamento è superiore a un’ora.

Un piccolo segreto che ha scoperto a livello alimentare?
Non tutti sanno che l’interno dei cestelli degli elettrodomestici usati per ottenere i succhi di frutta, in casa o al bar, durante la fase di rotazione ad alta velocità raggiungono temperature vicine ai 40/45 gradi, eliminando gran parte degli enzimi vivi e delle vitamine contenute. Solo la frutta e la verdura allo stato naturale consentono di immagazzinare il 100% del loro apporto nutritivo. Io però mi sono dotata di un… estrattore a freddo, un marchingegno che consente l’estrazione del succo contenuto in qualsiasi frutto, verdura e ortaggio, mantenendo completamente inalterate le proprietà nutrizionali e organolettiche. I succhi di frutta e verdura “vivi”, sono digeribilissimi.
 

 

08-07-2014 - Tutti i diritti riservati

Vota il contenuto:

Voti totali: 12068

 

Coltura & Cultura