Industria 4.0, investimenti anche in agricoltura

Il Piano Industria 4.0, presentato dal premier Matteo Renzi insieme al Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e dal Ministro per l'Economia Pier Carlo Padoan, non dimentica quello che è uno degli asset industriali principali del Paese: l'agricoltura. Fra le azioni previste per la tecnologizzazione del primario, sono previsti investimenti mirati nella ricerca e nello sviluppo delle tecnologie per agricoltura e agroalimentare.

Agricoltura e Industria 4.0 - Le azioni che riguarderanno gli investimenti previsti saranno focalizzate su: accesso delle imprese agricole, contoterzisti e agroindustria alle misure di sostegno agli investimenti come iperammortamento al 250% e superammortamento per acquisto di tecnologie 4.0; investimenti per favorire l'accesso delle imprese alla banda ultralarga, in coordinamento con le risorse per tali infrastrutture comprese nei fondi europei agricoli; azzeramento del costo della garanzia primaria Ismea per le imprese agricole, attraverso un plafond dedicato nell'ambito del rifinanziamento del Fondo di Garanzia Mise; rilancio e estensione dei contratti di sviluppo anche per le imprese agricole e la filiera agroalimentare; potenziamento della ricerca agricola e agroalimentare con il Crea.

Agricoltura e Industria 4.0 - "L'agricoltura e l'agroalimentare - ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina che questa mattina ha partecipato alla Cabina di Regia "Industria 4.0" - giocheranno un ruolo da protagonisti per lo sviluppo del modello economico nazionale. Ringrazio il Presidente Renzi e i Ministri Calenda e Giannini per aver condiviso un percorso che segnerà in maniera sostanziale il futuro del nostro Paese. Vogliamo un settore primario sempre più sostenibile e innovativo, puntando sulle chiavi della ricerca e della tecnologia. Sono due elementi che devono andare insieme e l'agricoltura di precisione risponde a questa esigenza. Abbiamo lanciato a luglio le nostre Linee guida che ora costituiscono parte integrante del progetto Industria 4.0. Vogliamo far crescere le tecnologie di precisione in agricoltura e arrivare al 10% delle superfici coltivate con queste innovazioni entro il 2021. Per lavorare immediatamente abbiamo convocato la filiera al Ministero per una prima riunione operativa il 28 settembre".

L'agricoltura 4.0? È già qua. Entro il 2021 l'agricoltura di precisione coprirà il 10% di tutto il coltivato italiano. Via libera a droni, app e software per migliorare la produzione in qualità e quantità. 

Vota il contenuto:

Voti totali: 11156

 

Coltura & Cultura