il pero

Due ricette per gustare le pere

La pera, come del resto tutta la frutta in generale, è un ingrediente che si presta a moltissime utilizzazioni in cucina. L’uso più indicato è senza dubbio nella preparazione di dolci, tuttavia le pere sono impiegate anche nella realizzazione di piatti salati, principalmente abbinate a formaggi saporiti o erborinati, per la preparazione di insalate, primi piatti a base di riso o pasta oppure secondi di carne dal sapore agrodolce.

Vi proponiamo di seguito due ricette di secondi piatti presenti nel capitolo “Ricette” del volume digitale “il pero” della Collana Coltura & Cultura:

Petto di germano reale con pere al vino rosso e lenticchie

Ingredienti:
 

  • 2 petti di germano
  • 2 pere
  • 200 g di lenticchie
  • 50 g di rafano tagliato a bastoncini
  • 2 dl di vino rosso
  • 1 scorza di arancio
  • 1 pizzico di cannella
  • 4 chiodi di garofano
  • 1 scalogno, 100 g di burro
  • 1 dl di buon brodo di carne
  • sale e pepe
     

Preparazione:

Pulire le pere e dividerle a metà, quindi tagliarle a ventaglio. Fare bollire il vino con la cannella, i chiodi di garofano e la scorza di arancia, cuocere le pere, scolarle e tenerle in caldo. In una casseruola sciogliere 50 g di burro e cuocere da ambo i lati i petti di germano aromatizzati con sale e pepe, avendo cura di lasciarli bene rosa all’interno. Togliere i petti, sgrassare la padella, unire lo scalogno tritato, il vino utilizzato per la cottura delle pere; far evaporare per circa ¾, aggiungere il brodo e sobbollire per alcuni minuti.

Passare il tutto al setaccio, riportare sul fuoco, aggiungere il burro e amalgamare. Tagliare a fettine il germano, disporlo sui piatti ben caldi accanto alle pere e alle lenticchie (lessate e saltate in padella con la pancetta tritata), bagnare i petti con la salsa e decorare con i bastoncini di rafano scottati in acqua bollente

 

Fegato d’oca con pere William

Ingredienti:

  • 4 belle fette di fegato d’oca di circa  80 g l’una
  • 2 pere William ben mature
  • 1 cucchiaio di aceto di lampone
  • 4 scalogni, burro, 1 dl di succo di mela
  • 2 dl di vino bianco secco
     

Per la salsa:

  • 10 g di tartufo nero
  • 1 bicchiere di vino di Porto
  • ½ dl di vino rosso, 20 g di burro
  • 3 cucchiai di fondo ristretto di pollame o di buon brodo di carne

 

Preparazione:

Pelare le pere, affettarle sottilmente, farle leggermente intenerire sulla fiamma con il burro, bagnare con un poco di aceto di lampone. Preparare la salsa saltando nel burro e il tartufo tritato finemente, salare e aggiungere il Porto e il vino rosso; lasciare cuocere per un po’ quindi legare con il burro. Tritare finemente gli scalogni, metterli in padella con il vino bianco e il succo di mela e fare asciugare. Rosolare da entrambi i lati le fette di fegato in una padella caldissima, disporle sulle pere affettate, irrorare con la salsa al tartufo e aggiungere a ognuna un cucchiaio di scalogno.

Se vi sono piaciute queste ricette e volete provare ad utilizzare la pera anche in altre preparazioni, consultate il capitolo “Ricette” del volume digitale “il pero”.

Vota il contenuto:

Voti totali: 8827

 

Coltura & Cultura