attualità

Cresce l'export, calano spese di produzione. Trimestre record per l'agricoltura

Dopo l'accelerazione di agosto (+13,4%) anche settembre fa registrare una buona performance per le vendite oltre frontiera di prodotti agroalimentari che, con un più 5,7% su base annua, porta a 28 miliardi di Euro il giro d'affari maturato nei primi nove mesi del 2016. Il dato è sintesi di un incremento tendenziale del valore delle vendite all'estero dei prodotti agricoli (+5,4%) e di una crescita altrettanto rilevante delle spedizioni dei prodotti dell'agroindustria (+5,7%).

AGROALIMENTARE AL 9,1% DELL'EXPORT - Con l'andamento positivo registrato negli ultimi due mesi, migliora anche il dato cumulato per il 2016. Rispetto al corrispondente periodo del 2015, nei primi nove mesi dell'anno in corso, l'export agroalimentare è cresciuto in valore del 3,3%, sostenuto soprattutto dai prodotti lavorati (+3,7%). Gli ultimi dati disponibili confermano la quota del 9,1% dell'agroalimentare sul totale export nazionale (in valore). Il food and drink nazionale continua a contraddistinguersi positivamente sui mercati esteri, con un vigore che gli consente di spuntare una dinamica migliore delle vendite complessive italiane all'estero, che nei primi nove mesi del 2016 hanno solo registrato un timido risultato positivo (+0,5% su base annua).

CRESCITA OTTIMA IN PROSPETTIVA - In prospettiva l'intero anno dovrebbe chiudersi, secondo Ismea, con una crescita dimezzata rispetto a quella registrata nel corso del 2015 (+7,5% sul 2014).  Un risultato, sottolinea l'Istituto, oltremodo positivo specie alla luce della forte decelerazione del commercio internazionale, dell'apprezzamento dell'euro sul dollaro ma soprattutto sulla sterlina e, non ultimo, dell'assenza di fattori di forte impulso come è stato l'Expo per il 2015.

CALANO I COSTI DI PRODUZIONE - Ottobre conferma, inoltre, il calo dei costi di produzione per il settore agricolo. Nel mese, l'Indice dei prezzi dei mezzi correnti di produzione elaborato dall'Ismea scende a quota 102,2 (base 2010=100), registrando un calo di 3,1 punti percentuali su base annua. La dinamica calante continua a essere guidata dal deprezzamento dei prodotti energetici, che tra le varie voci di spesa è quella che registra la contrazione più marcata rispetto a ottobre 2015 (-10,1%) contribuendo a una diminuzione del prezzo dei carburanti (-6,0%), dei lubrificanti (-25,0%) e dell'energia elettrica (-14,4%).

I PREZZI NEL DETTAGLIO - Scendono anche i prezzi delle altre principali voci di spesa degli agricoltori nazionali. In particolare, a ottobre hanno riportato un calo su base tendenziale i costi per l'acquisto di prodotti fertilizzanti e fitosanitari (rispettivamente -4,2% e -1,2%). Analizzando le spese sostenute dagli allevatori, si accentuano i ribassi nei prezzi dei mangimi (-3,8%) mentre i prezzi degli animali d'allevamento mostrano dinamiche eterogenee: il dato di sostanziale stabilità su base annua riflette infatti i rincari dei suini (+19,3%) controbilanciati dai ribassi di bovini (-4,4%) e avicoli (-11,0%). A livello trasversale, sono diminuiti i costi relativi a materiali vari, attrezzi e piccoli apparecchi (-5,3%). I costi del contoterzismo sono fortemente calati rispetto a settembre (-8,1%), portando il confronto su base annua al -7,1%.

IN AUMENTO EXPORT VERSO UE - Dall'analisi geografica dei mercati di destinazione, sono aumentate nel periodo di osservazione le vendite dei prodotti agricoli verso i paesi UE (+5,6%) - che rappresentano l'80% dell'export agricolo totale in valore -  mentre sono diminuite quelle verso i paesi extra europei (-11,8%), in ragione soprattutto della riduzione delle spedizioni verso la Turchia (-42,8%).  Per i prodotti dell'industria alimentare, il dato delle vendite extra UE mostra invece un avanzamento rispetto al 2015 (+3,4%), nonostante i cali verso Turchia, Cina e i paesi del Mercosur, e un proseguimento della dinamica positiva verso i mercati UE (5,6%). Sia per i prodotti dell'industria alimentare che, più marcatamente, per i prodotti agricoli, sono in ripresa le esportazioni verso la Russia. 

Vota il contenuto:

Voti totali: 10407

 

Coltura & Cultura