attualità

Agricoltura: tagli e agevolazioni da DL enti locali e Legge di stabilità

In arrivo grandi novità per l'agricoltura italiana, a partire dall'approvazione in Senato del decreto enti locali, che contiene importanti interventi per il settore agricolo, fino ad arrivare all'eliminazione dell'Irpef agricola, una misura che coinvolgerà gli oltre 400mila agricoltori italiani con un risparmio di oltre 225 milioni di euro solo per la componente Irpef

IL DECRETO ENTI LOCALI - Il Senato ha approvato il decreto enti locali che contiene grandi novità e interventi importanti per il settore agricolo. "Da Governo e Parlamento - ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina - arriva un altro segnale di attenzione per allevatori e agricoltori italiani. Questo decreto si inserisce nella nostra strategia di intervento contro la crisi del settore del latte, della suinicoltura e del grano. Siamo riusciti a reperire nuove risorse e soprattutto a mettere in campo un'azione di semplificazione degli strumenti a disposizione delle imprese. Allo stesso tempo diamo avvio al piano cerealicolo con una prima dotazione di 10 milioni di euro che potrà essere ulteriormente rafforzata da risorse regionale dei Psr".

COSA PREVEDE IL DECRETO - Fra le azioni principali previste dal dl enti locali vi sono: 10 milioni per la programmazione volontaria dell'offerta pe ril settore lattiero; è stato rifinanziato con altri 10 milioni il fondo nazionale indigenti per l'acquisti di latte crudo; un intevento a sostegno degli allevatori con una supermoratoria dei debiti che coinvolge il settore suinicolo; la riduzione dei prelievi delle quote latte in campagna da 100 a 32 milioni; si attua un fondo da 10 milioni di euro per l'avvio del piano cerealicolo nazionale.

ECCO IL TAGLIO DELL'IRPEF AGRICOLA - Coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali (Iap) potranno presto dire addio all’IRPEF sulle rendite catastali delle imprese agricole. È una delle novità che dovrebbe essere concretizzata con la Legge di Stabilità 2017. Per l’Erario, il taglio di IRAP, IMU e IRPEF per coloro che si occupano di agricoltura comporterà un minore gettito pari a 1,3 miliardi di euro in due anni, circa 200 milioni di euro per la componente IRPEF, che andrà a coinvolgere circa 400mila agricoltori. “Dopo l’abolizione di IMU e IRAP sui terreni agricoli annunciata da Renzi ad Expo di Milano il 15 settembre 2015 e realizzata nel 2016 – dice Tulio Marcelli Presidente di Coldiretti Toscana – con questo intervento sull’IRPEF siamo davanti ad una manovra di sgravio fiscale per l’agricoltura che nessun governo del nostro Paese aveva mai realizzato”. 

Gli interventi sulla produzione del latte arrivano anche a placare la protesta degli allevatori per il prezzo del latte troppo basso, mentre i piani del Governo sull'agricoltura si sono già svelati alla presentazione del piano Industria 4.0.

Vota il contenuto:

Voti totali: 7713

 

Coltura & Cultura