agricoltura smart

Agricoltura Smart: Google Maps in agricoltura

GOOGLE MAPS IN AGRICOLTURA

Negli ultimi dieci anni l’applicazione Google Maps è stata utilizzata per la ricerca e per progetti di sviluppo valorizzando le risorse del paesaggio rurale. L’utilizzo di questa app da parte degli agricoltori ha permesso di raccogliere dati direttamente dal campo. Google Maps ha facilitato la creazione di diverse reti, tra cui il movimento di “Citizen Science” o meglio di “Farmer Science”. Infatti, i dati raccolti dai produttori hanno permesso di comprendere come migliorare le rese, ottimizzare le risorse come l’acqua, e l’utilizzo di pesticidi e fertilizzanti.

 

L’utilizzo di queste mappe ha facilitato la comprensione delle variazioni nello spazio della redditività delle colture direttamente dal campo. Grazie all’analisi dei dati riportati dal sistema di mappatura e della resa è possibile evidenziare quelle zone dell’azienda agricola meno produttive per approfondirne le cause e agire. Ottimizzare le risorse è la chiave verso un’agricoltura sostenibile. Queste analisi permettono inoltre di prevedere la diffusione delle malattie delle piante. Un esempio è l’app Coffee Cloud sviluppata in America Centrale.

 

In Costa Rica, una rete di agricoltori in collaborazione con centri di ricerca e sviluppo, tra cui L’Agenzia Internazionale di Sviluppo degli Stati Uniti (USAID), hanno sviluppato un’applicazione per smartphone in grado di mappare una malattia del caffè: la ruggine del caffè. Questa ruggine – riferita al colore delle macchie rossastre – è un fungo che produce un’infezione sulle foglie indebolendo rapidamente l’albero. La propagazione è molto veloce e avviene con clima umido e abbondanti piogge, molto frequenti in America Centrale. Una volta scaricata l’app gli agricoltori fotografano le piante di caffè quando questa manifesta i primi sintomi della “ruggine” inserendola in un data base comune. In questo modo i ricercatori sono riusciti a mappare in anticipo e rallentare il percorso dell’infezione avvisando rapidamente gli agricoltori ancora indenni. Questo progetto è riuscito in parte a ridurre l’impatto di questa piaga trattando in maniera preventiva e ottimale le piante. L’app Coffee Cloud è un ottimo esempio di collaborazione e di utilizzo delle mappe nei paesaggi rurali. Anche l’Italia ha dei progetti riguardo a Google Maps.

 

L’ISMEA, la Rete Rurale Nazionale, sta portando avanti un progetto per la valorizzazione dei paesaggi rurali in Piemonte, coinvolgendo agricoltori e cittadini locali utilizzando Google Maps. Questo progetto punta a identificare e valorizzare tutti i luoghi di interesse naturale, di biodiversità e culturale del paesaggio rurale tra cui le coltivazioni locali in altura, i corsi d’acqua e i punti di produzione. L’utilizzo di questa tecnologia favorisce sia aspetti colturali, che culturali valorizzando il paesaggio e coinvolgendo i cittadini in prima persona per la difesa e la valorizzazione del territorio.

 

 

TAGS:    #Google Maps   #Citizen Science    #Caffè   #Costa Rica   #Piemonte   #Paesaggio Rurale     

Vota il contenuto:

Voti totali: 6

 

Coltura & Cultura