evento

Le nuove professionalità per un’agricoltura di successo - Il workshop di Bayer a Piacenza

 

Il 2018 è l’anno internazionale del cibo nel mondo e Bayer ha scelto, per la IV° edizione del workshop sull’agricoltura italiana un tema di attualità quale ”Le nuove professionalità per un’agricoltura di successo”. Un evento diventato punto di riferimento non solo per tutti gli studenti italiani di agraria, ma anche per gli operatori agricoli e i professionisti del settore, per discutere e confrontarsi sull’agricoltura del futuro.  

 

L’evento svoltosi il 15 maggio scorso presso il Campus Agroalimentare Ranieri-Marcora di Piacenza, è stato seguito dal vivo oltre che da un pubblico di giovani e professionisti, anche in streaming con diretta facebook sulla pagina di Coltura & Cultura, il sito supportato da Bayer, nato con l’idea di far conoscere e valorizzare l’agricoltura sostenibile in tutti i suoi aspetti, informando il grande pubblico e sfatando i miti comuni legati alle nuove produzioni agricole.

 

Il workshop è stato moderato da Fabrizio Binacchi, direttore di Rai 3 Regione Emilia Romagna. 

Aprendo i lavori Binacchi ha sottolineato, di fronte ai numerosi studenti in sala l’importanza dell’appuntamento: “sono venuto apposta dal MIT di Boston, non potevo mancare” ed ha esortato i giovani a prendere esempio dalle eccellenze professionali espresse negli anni dall’Istituto, diretto dalla dirigente Teresa Andena. 

 

 

Le nuove professionalità per un’agricoltura di successo – l’informazione

 

Tra i relatori dell’evento il noto scrittore e ispettore del Mipaaf Antonio Pascale, che ha messo l’accento sull’innovazione quale elemento chiave dello sviluppo di tutto il comparto, esortando tutti ad evitare nostalgie del passato: “Oggi ci troviamo nella fase di passaggio dal Paese di Pinocchio, grande espressione della fame, a quello di Masterchef. Sono cambiati profondamente molti parametri nella società, uno su tutti quello  dell’aspettativa di vita passata da 35 a 82 anni. Siamo passati dai 10 milioni di persone agli oltre 7 miliardi odierni. Le proiezioni del 2050 ci parlano di 9/10 miliardi. Quali saranno le nostre risposte per sfamare la popolazione mondiale con un’agricoltura sostenibile?”.

“Molte risposte a queste problematiche- ha concluso il giornalista - le troviamo in parole quali agrofarmaci, biotecnologie e agricoltura di precisione. Tematiche sulle quali, voi giovani, dovrete mostrarvi sempre di più preparati”. 

 

 

Le nuove professionalità per un’agricoltura di successo – la produzione

 

Nicola Bertinelli Presidente del Consorzio Tutela del Parmigiano Reggiano, nel corso del suo intervento, ha espresso grande preoccupazione per il tema della contraffazione dei prodotti Made in Italy, prodotti che invece sono unici e irripetibili: “Unici per le tecniche di allevamento, per l'erba medica che cresce nell’area di produzione e per le conoscenze maturate in 900 anni di storia. Tutto ciò permette che le sostanze specifiche entrino nel latte rimanendovi integre. Un territorio può trasferire il proprio DNA a un prodotto, ma è importante valutare il grado di sostenibilità sia sociale che economica”.

Il Presidente ha quindi concluso anticipando che: “ Il Parmigiano Reggiano diventerà un vero e proprio lifestyle brand, poiché è ormai consolidato che le DOP possono diventare attrattive turistiche, oltre che un valore aggiunto per chi vive in determinati territori”.

 

 

Le nuove professionalità per un’agricoltura di successo – la distribuzione

 

Il responsabile dei prodotti freschi di Conad per il Centro-Nord, Alberto Raggi ha parlato di qualità vista dalla grande distribuzione: “Essendo Conad espressione associativa di piccoli e medi imprenditori comprende appieno il valore del territorio dove opera. Il marchio ’Sapori&Dintorni’ che abbiamo creato nel 2011 e ora diventato pure un negozio, ha nel suo DNA due valori come la qualità dei fornitori e la loro localizzazione in uno specifico territorio. Tipicità, tradizione e particolarità sono i nostri punti di riferimento – continua Raggi - punti che ci hanno premiato con risultati economici significativi: un fatturato superiore ai 300 milioni di euro, una crescita del 9.5% rispetto al 2016 e un’incidenza del 10% sul totale delle marche a logo Conad”.

 

 

Le nuove professionalità per un’agricoltura di successo - lo studio

 

Marco Trevisan, preside della Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, ha messo in evidenza invece due punti basilari sul tema, come produzione e trasformazione della produzione in alimenti: “Oggi ci muoviamo verso ‘l’agricoltura 4.0’ o ‘di precisione’ e per questo si aprono grandi spazi per nuove professionalità e innovazione”. Tra gli esempi fatti da Trevisan a conferma di questi processi innovativi: il robot con i sensori, la cosiddetta ‘capra’, che si muove anche su terreni impervi, scopre i problemi e li tratta direttamente, o la stalla 4.0 dove si è investito moltissimo per renderla sostenibile con, ad esempio, mungitura automatica e recupero dei reflui. 

 

 

Le nuove professionalità per un’agricoltura di successo – il progetto degli studenti

 

A proposito di genialità messa a disposizione del settore, due testimoni eccellenti hanno presentato la loro ricerca dal titolo ‘ La manna dal cielo:H2O a Km0 per un’agricoltura ecosostenibile e all’avanguardia’. I due studenti, Silvia Fardelli e Carlo Solari, finalisti della 30esima edizione di Giovani e Scienze 2018 rappresenteranno il nostro Paese allo ‘Stockolm Junior Water Prize’ in Svezia. Il progetto è stato preselezionato nella sede Fast di Milano.

“Con questo metodo - hanno confermato i due studenti - si risparmia acqua atta a garantire la produzione di 3593 litri di latte o 300 bottiglie di vino all’anno”.

 

E così, per la quarta volta, il workshop emiliano ha risposto pienamente alle tante aspettative dei molti studenti di agraria e dei professionisti del settore mettendo sul tavolo una visione innovativa di come si sta evolvendo il settore agricolo. Un’agricoltura del futuro che è ormai già presente.

Vota il contenuto:

Voti totali: 23

 

Coltura & Cultura