il pesco

Le malattie del Pesco

Nel corso degli ultimi anni il quadro relativo alle malattie fungine e batteriche che interessano il pesco si è progressivamente modificato, soprattutto in seguito alla diffusione di nuove tecniche colturali, alla concentrazione in alcune aree di impianti specializzati e alla costituzione di nuove cultivar più rispondenti a esigenze commerciali ma, in alcuni casi, più suscettibili nei confronti di alcune avversità.

NUOVI AGENTI PATOGENI - Anche l’introduzione di materiali di moltiplicazione da altri Paesi o continenti ha contribuito alla diffusione di nuovi patogeni o di funghi e batteri noti da lungo tempo, ma con caratteristiche di patogenicità molto diverse. Gli stessi cambiamenti nei piani di difesa antiparassitaria, messi in atto prevalentemente a partire dagli anni ’90 del secolo scorso, sotto lo stimolo di una pressante e non eludibile richiesta di tutela dell’ambiente e di sicurezza per i consumatori, hanno portato a una riduzione considerevole del numero dei trattamenti fungicidi, con significativi risvolti positivi ma, a volte, sotto il profilo strettamente fitoiatrico, non sempre adeguati per contenere efficacemente tutti i patogeni che possono essere presenti nell’ambiente in cui si opera.

IL VOLUME "IL PESCO" - Nel volume “Il Pesco”, nella parte riguardante le malattie, sotto il capitolo sulla coltivazione, sono descritte le principali malattie fungine del pesco, nonché quelle di origine batterica tra le quali la maculatura batterica causata da Xanthomonas arboricola pv. pruni e la scabbia batterica da Pseudomonas syringae pv. syringae di recente diffusione nel nostro Paese. Per ciascuna avversità sono illustrati i più comuni sintomi che si possono riscontrare sui diversi organi della pianta, il ciclo biologico del patogeno e i vari aspetti epidemiologici collegati all’andamento del processo infettivo e alla gravità dell’attacco. Al termine di questa rassegna sono indicate le più recenti strategie di difesa anticrittogamica, in linea con i disciplinari di produzione integrata.

Vota il contenuto:

Voti totali: 76

 

Coltura & Cultura