evento

Dal 12 maggio a Rimini la fiera MacFrut

Un'edizione 2017 della fiera Macfrut che sta centrando i propri obiettivi, nonostante siano trascorsi solo 8 mesi rispetto alla precedente edizione. Questo uno dei punti di soddisfazione espressi lo scorso 6 aprile 2017 dal presidente di Cesena Fiera Renzo Pieraccini in occasione della presentazione ufficiale della nuova edizione della manifestazione ortofrutticola che si svolgerà a Rimini dal 10 al 12 maggio 2017

La conferenza stampa ha avuto luogo presso la sede dell'ICE a Roma, alla presenza del viceministro all'agricoltura Andrea Olivero, dell'assessore all'Agricoltura della Regione Emilia-Romagna Simona Caselli e del suo omologo della Basilicata Luca Braia, del sindaco di Cesena Paolo Lucchi e di rappresentanti dei partner strategici quali la stessa Ice (nella figura della dirigente Ines Aronadio), UniCredit (con il resp. International business Luciano Cenedese), Coface (con il Country Manager in Italia, Ernesto De Martinis). Ospite d'onore, l'Ambasciatore in Italia della Repubblica Popolare Cinese, Li Ruiyu.

 

LA FIERA - La fiera Macfrut 2017 ospiterà tutte le componenti fondamentali della filiera ortofrutticola: in misura paritaria saranno presenti le primarie imprese del settore macchinari, le aziende produttrici e le imprese di tutto il resto della filiera, tra cui l'importante partecipazione delle ditte sementiere, grazie al recente accordo con Assosementi. Una sorta di "antipasto" in vista di un vero e proprio "Macfrut Seeds" nel 2018. La fiera si estenderà su otto padiglioni, per un'area di 50mila metri quadrati (+100% in quattro anni), con 1.100 espositori e una crescita esponenziale di quelli provenienti dall'estero (+30%). Sono attesi 1.200 buyers da tutto il mondo.


PIU' FRUTTA E VERDURA NELLA VITA DI TUTTO I GIORNI -  Che il settore ortofrutticolo possa costituire oggi la risposta più importante alle sfide che attendono il mondo, è stato ben rappresentato dalla proiezione di alcuni video in apertura della conferenza stampa. Nel primo, tratto da un servizio del programma Rai "Presa Diretta", si mostrava un progetto solidale di diffusione di serre per la produzione di ortaggi in Ghana; una soluzione accessibile e sostenibile da un punto di vista ambientale (la serra è completamente autosufficiente grazie all'energia solare), per rispondere alle problematiche di sicurezza alimentare - cioè di approvvigionamento dei beni essenziali - in paesi oggi interessati da forti flussi migratori. Ma il futuro è anche quello della coltivazione in-door, come mostrato da un secondo video: nelle nostre case, nei ristoranti, nei punti vendita sarà possibile la coltivazione di ortaggi e microgreens. Grazie all'innovazione, la freschezza e la sana alimentazione diventeranno disponibili direttamente nei luoghi di consumo.

 

L'INNOVAZIONE - "Innovazioni che presenteremo in fiera - ha sottolineato Renzo Piraccini - e che non sono più allo stadio di prototipi. Qui parliamo di soluzioni già disponibili in commercio e che sono destinate a diffondersi rapidamente". Proprio guardando a queste prospettive, l'edizione 2017 di Macfrut porrà particolare attenzione alla rivoluzione vegetale che sta interessando il settore ortofrutticolo, con la crescente diffusione dei microgreens, cui la manifestazione darà uno spazio privilegiato, con la partecipazione di primari player in questo segmento, quali Van der Plas, leader mondiale dei germogli, che opera con 15 stabilimenti nel mondo, e Koppert Kress, leader mondiale in microgreens. Tra le novità di questa edizione, ampio spazio ai macchinari agricoli con l'area Macfrut in Campo. Inoltre, la fiera ospiterà per la prima volta un'area dedicata al biologico (Macfrut Bio) e verrà riproposto per il secondo anno il Premio all'Innovazione con, allo stato attuale, 40 adesioni.

LA PARTECIPAZIONE INTERNAZIONALE - Importante la crescita della partecipazione internazionale, con molte new entries in rappresentanza dei cinque Continenti. Tra le novità, Angola, Etiopia, Uganda, Guatemala, Nicaragua, Costarica e Uruguay. Delegazioni di operatori sono previste da Mozambico, Zimbabwe, Zambia, Sud Africa, Senegal, Ghana, Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Bielorussia, Ucraina, Russia.

Vota il contenuto:

Voti totali: 13

 

Coltura & Cultura