gli agrumi

Da Mipaaf e Regioni un piano strategico per gli agrumi

Definire un piano strategico unitario con il coinvolgimento di tutti i componenti della filiera e delle istituzioni con azioni condivise già in corso e da intraprendere. Questa la missione dell'incontro che si è tenuto presso il Ministero delle Politiche Agricole, presieduto dal Sottosegretario Giuseppe Castiglione, che ha visto la partecipazione dei rappresentanti delle Regioni, delle organizzazioni agricole e della cooperazione, delle imprese di trasformazione e di commercializzazione, per la definizione di un piano strategico unitario dedicato alle coltivazioni agrumicole.

COSA PREVEDE IL PIANO - In particolare: strumenti per la tutela del reddito dei produttori agricoli anche grazie all'abbassamento della pressione fiscale determinata dalla cancellazione dell'Imu e Irap dello scorso anno, a cui quest'anno si aggiunge l'azzeramento dell'Irpef. Rafforzamento del contrasto alla diffusione del virus Tristeza grazie alla creazione di una struttura di ricerca gestita dal Crea per il sostegno all'attività vivaistica e la fornitura di piante madri certificate.

SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE - Azioni per il sostegno alla produzione e il ripristino del potenziale produttivo con un'azione istituzionale coordinata e un cronoprogramma pluriennale di azioni. L'obiettivo è creare nuovi impianti su 35000 ettari con un tasso di ricambio di circa 5000 ettari all'anno. A tale scopo potranno essere utilizzati gli strumenti già esistenti dei Psr e dell'Ocm. Un'attenzione particolare verrà data al sostegno delle produzioni biologiche. Per rafforzare tali misure il Ministero ha deciso di sollevare la questione con Francia e Spagna per chiedere alla Commissione Ue un intervento dedicato agli agrumi che preveda ulteriore sostegno a estirpazione e reimpianto. L'incremento dell'aggregazione e dell'organizzazione, in questo contesto l'approvazione dell'Organizzazione Interprofessionale, ora all'esame della conferenza stato regioni, assume un rilievo fondamentale, che può imporre il cambio di passo necessario. La promozione e l'elaborazione di azioni coordinate con la grande distribuzione.

ALLA VIGILIA DELLA STAGIONE AGRUMICOLA - "Siamo alle porte della stagione della raccolta degli agrumi - ha commentato il Ministro Maurizio Martina - e abbiamo voluto impostare un metodo di lavoro condiviso con la filiera per azioni coordinate e unitarie a sostegno del reddito dei produttori. Nell'ultima legge di bilancio siamo intervenuti con un taglio di tasse che interessa in particolare gli agricoltori con coltivazioni arboree importanti come gli agrumeti. Per un'azienda agrumicola di 14 ettari parliamo di un risparmio fiscale su due anni che supera i 27mila euro, tenendo conto della cancellazione di Imu e Irap e dell'azzeramento dell'Irpef. Ora dobbiamo avanzare con un cronoprogramma su più anni che dia futuro alla filiera".

Vota il contenuto:

Voti totali: 254

 

Coltura & Cultura