intervista

Bonifiche Ferraresi: investire in innovazione e sostenibilità è possibile

 

"Sostenibilità delle produzioni agricole: sfide e opportunità per le filiere agroalimentari del Mediterraneo”: questo il tema dell’incontro che si è svolto lo scorso 21 giugno presso l’Auditorium Bonifiche Ferraresi Spa a Jolanda di Savoia. L’evento è stato organizzato dal Research centre for sustainable farming in partnership tra Agri2000 e Bonifiche Ferraresi. .

Federico Vecchioni, Bonifiche Ferraresi: “Innovazione e sostenibilità i valori della nostra azienda”

Padrone di casa, Federico Vecchioni, ad di Bonifiche Ferraresi, la più grande azienda agricola italiana con una estensione di circa 5.500 ettari di terreni coltivabili,  attiva nella coltivazione e commercializzazione di prodotti agricoli, che ha aperto i lavori. “Sono molto soddisfatto di vedere l'auditorium del Campus della nostra azienda così gremito di soggetti attivi in un settore altamente innovativo come quello agroindustriale. Dico questo perché persiste nel nostro paese” - prosegue Vecchioni, come riporta il sito Agronotizie- “la convinzione che agricoltura e innovazione siano incompatibili quando invece è vero l'esatto contrario: l'agricoltura oggi rappresenta uno dei più importanti esempi di settore altamente tecnologico e dinamico nel quale l'Italia è un'eccellenza. Quando si fa riferimento all’ innovazione in questo campo si deve parlare di sostenibilità, valore condiviso da tutti gli attori della filiera. Oggi dobbiamo puntare sull’agricoltura 4.0, sull’evoluzione tecnologica digitale e sulla sostenibilità delle produzioni agricole. Vecchioni nel suo discorso, come riporta il quotidiano on line Terra e Vita, si rivolge anche alle istituzioni:   “Serve un’adeguata capacità comunicativa per trasmettere ai consumatori e al mercato finanziario quello che facciamo,  occorre che la politica, con la p maiuscola, svolga il suo importante ruolo di indirizzo

Camillo Gardini, Agri2000: “I consumatori vogliono un’agricoltura più smart”

Durante il convegno è stata presentata anche l’ultima iniziativa di Bonifiche Ferraresi che, in partnership con Agri2000, lancia il nuovo centro di ricerca per l’agricoltura sostenibile, come si legge su Terra e Vita: “Occorre vivere il cambiamento come un’opportunità – afferma Camillo Gardini presidente di Agri2000, società di ricerca e servizi che opera in Italia ed Europa – “I consumatori vogliono un’agricoltura più smart e questo significa occuparsi in maniera sostenibile di difesa, di consumi idrici, di innovazioni come quella dei biostimolanti, di fertilizzazione e di agricoltura di precisione. La competizione internazionale oggi cambia le regole del mercato anche in agricoltura: non vale più il detto che pesce grande mangia pesce piccolo, ma che pesce veloce mangia pesce lento”

Alberto Ancora, Agrofarma: “ Se produciamo alimenti di qualità il merito è anche degli agrofarmaci”

Il seminario è stato l’occasione anche per parlare del settore della difesa delle colture che, come ribadisce Alberto Ancora Presidente di Agrofarmamerita di uscire dall’ombra dei pregiudizi che ne stanno diffamando un ruolo che invece è fondamentale per la sostenibilità ambientale ed economica per la produzione agricola: se l’Italia produce alimenti di qualità e sicuri, con le migliori performance in termini di residualità – continua il numero uno di Agrofarma, nel suo intervento riportato da Terra e Vita - “il merito è anche dei cospicui investimenti per fornire agrofarmaci attivi a dosi sempre più basse e non persistenti. Non esiste nessuna contrapposizione con il biologico, un settore in cui oggi investiamo per lo sviluppo di soluzioni in grado di inserirsi in maniera integrata, nelle più efficaci e sostenibili strategie di protezione delle colture”.

Vota il contenuto:

Voti totali: 19

Alberto Ancora - Presidente Federchimica - Agrofarma
Camillo Gardini - Presidente Agri 2000
Carlo Dalmonte - Presidente Caviro
Carlo Dalmonte - Presidente Caviro
Federico Vecchioni - Amministratore Delegato Bonifiche Ferraresi
Giuseppe Natale - Presidente EBIC (European Biostimulants Industry Council)
Simona Caselli - Assessore all'Agricoltura Regione Emilia-Romagna

 

Coltura & Cultura